Andrew Kent

Andrew Kent

© Chatham Baker

Andrew Kent

Andrew Kent nasce nel 1948 a Santa Monica in California. Fin dai suoi primi concerti come fotografo della Los Angeles Free Press, è diventato un habitué della scena musicale di Los Angeles, riuscendo in breve tempo, grazie alla qualità del suo lavoro e alla sua passione, ad avere accesso ai backstage di tutti gli artisti che contavano all’epoca, non solo in California ma in tutto il mondo, diventando uno dei fotografi più acclamati della scena musicale di tutti i tempi. Andrew è sempre stato una persona educata, tranquilla, per certi versi molto lontana dallo stile e dagli eccessi del rock and roll di quegli anni, co la barba sempre stata molto curata e il suo abbigliamento piuttosto conservatore. Ma il suo lavoro è profondamente radicato nella scena musicale tra la fine degli anni Sessanta e la fine degli anni Settanta tanto che, le fotografie che ha scattato a musicisti come Cat Stevens, Keith Richards, Freddy Mercury, Rod Stewart, KISS, Elton John Frank Zappa, sono apparse sulle copertine delle più importanti riviste di musica pop e rock, sui manifesti di Hollywood e in molte copertine di album. Uno dei suoi ritratti di Iggy Pop - uno scatto casuale realizzato in uno degli studi della BBC - è diventato l’iconica copertina dell’album Lust for Life. Mentre un altro suo scatto è stato utilizzato per la copertina di Alive II dei Kiss. Andrew è stato inoltre fotografo per Creem, Circus e Rock Magazine oltre ad aver lavorato per l’Atlantic Records, la A & E Records e la Capitol Records. Il suo lavoro è stato pubblicato in riviste come Rolling Stone, Vanity Fair, Playboy, Time, Newsweek, Q e Mojo. Nell' autunno del 1978 Andrew si recò a Sun Valley, nell’Idaho per partecipare al matrimonio della sorella. Era all’apice della sua carriera, ma non gli bastava. Kent ricorda quel momento come fosse una fotografia. Era in piedi nel salotto della casa di sua sorella, era autunno inoltrato e iniziò a nevicare. Era la prima neve dell’anno e ricorda che gli sembrò meravigliosa. In quel preciso momento capì che voleva vivere in quel posto, per il resto dei suoi giorni. Andy chiamò il suo socio, Neal Preston – altro leggendario fotografo con quale lavorava da tempo - dalla cucina per annunciargli che si sarebbe ritirato dagli affari. E che era pronto a fuggire sulle montagne dell'Idaho. Fece un ultimo tour, come favore ad un amico di lunga data: il tour dei Black Sabbath del 1978 la cui band di apertura erano i Van Halen. Andy viaggiò con Ozzy Osbourne e i pionieri dell'heavy metal lungo tutta la costa orientale, condividendo con loro lo spazio angusto del tour bus. Dichiarò di essersi divertito ma anche di non vedere l’ora di tornare tra le montagne dell’Idaho, dove tuttora vive, in mezzo alla natura occupandosi di fotografia pubblicitaria e d’arte.

Andrew Kent

Andrew Kent

© Chatham Baker

In collaborazione con

Comune di Napoli
Palazzo Delle Arti Napoli

a cura di

Ono Arte

una produzione

Navigare srl

media partner

Napoli Today
Radio Kiss Kiss

vettore ufficiale

Trenitalia

partner

Accademia delle Arti Bologna

biglietteria ufficiale

Ticketone